Gallery

Festa dello sport Paralimpico - 14 ottobre 2010

 

 

 

 

 

"L'Informazione" di Reggio Emilia,

Venerdì 7 maggio 2010

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


"Arceto-via Fratelli Rosselli"
racconto di Matteo Messori, classe 1993, studente dell'ITA Zanelli di Reggio Emilia.
Finalista del premio letterario "Racconti in viaggio".

Matteo, come tutta la sua famiglia del resto, è innanzitutto un amico: lo ringraziamo davvero per le parole che ha scritto su di noi in questo racconto... la miglior pubblicità, infatti, sono le sensazioni che si trasmettono agli amici e questo (non lo neghiamo) ci riempie di orgoglio e di gioia. Grazie Matteo e BRAVO!

Sono le 06.45 e siamo tutti in fila sul margine destro della strada ad aspettare l’arrivo del pullman ACT. Come tutte le mattine, potrai notare il passaggio di Giorgio, il casaro che è sempre di fretta come un leone dietro ad una gazzella, quando va a prendere il latte nelle aziende limitrofe per produrre il Parmigiano-Reggiano, prodotto tipico del nostro territorio. Appena salito sul pullman e superato il ponte di Arceto che attraversa il torrente Tresinaro, arriverai in centro, dove i tuoi occhi saranno catturati dal maestoso campanile costruito agli inizi del XV secolo e che affianca la chiesa di color giallo paglierino.  Sul lato sinistro della strada potrai ammirare un incantevole castello medievale, già presente in una carta nonantolana dell’883.  Intorno vi era un fossato di forma ellittica, ora sostituito da un parco verde con tanti giochi per bambini e ragazzi.  Uscito dal centro, inizierai a immergerti sempre più nella natura, nella campagna con vigneti coltivati a GDC, spalliera o cortina semplice, campi arati, campi di grano e campi di erba fresca, che in primavera viene raccolta per i numerosi allevamenti bovini.  Arrivato in via Anna Frank, a Sabbione, scorgerai il piccolo maneggio dell’azienda agricola “Il Tralcio”. Questo non è un semplice maneggio ma un’oasi naturale, sarai accolto/a con molta gentilezza e quando uscirai da quel magnifico posto sarai molto soddisfatto di aver passato un paio di ore immerso nel verde della natura e nel mondo dei cavalli, magnifici animali per il divertimento dei bambini.  Se vai a visitare l’azienda nel periodo della vendemmia potrai notare la MACCHINA DEI MIRACOLI che effettua la vendemmia meccanica per la successiva produzione del loro vino.  Superato Sabbione, entrerai in Gavasseto, che come dice il cantante Gaudio Catellani: “Gavaseì l’è ‘na stradleina longa, longa, longa, longa, drèta e strèta” (Gavasseto è una stradina lunga, lunga, lunga, lunga, dritta e stretta) dove noterai la chiesa novecentesca che affianca un campo da calcio.  In questo paese nelle serate del 9 e 10 agosto potrai assistere alla sagra di San Lorenzo, giorni in cui la parrocchia organizza numerosi giochi divertenti, musica folk per i più anziani e cena per tutti a base di prodotti tipici locali.  Uscito da Gavasseto entrerai in via Emilia, nella località San Maurizio che un tempo era un paese chiamato “Villa San Maurizio”.  E’ noto soprattutto perché vi si trova il Mauriziano, residenza di Ludovico Ariosto, che vi abitò per molti anni quando era governatore di Reggio Emilia.  Il Mauriziano è una villa quattrocentesca a cui si accede direttamente dalla via Emilia percorrendo il lungo viale di pioppi cipressini.  Particolarmente interessanti sono il Camerino dei Poeti, il Camerino degli Orazi e Curiazi, il Camerino dell’Ariosto e alcuni pregevoli affreschi del XVI secolo.  Nella zona attorno al Mauriziano sorse in età romana, lungo la via Emilia, la necropoli della città, in cui durante gli scavi ottocenteschi furono ritrovate molte lapidi, ora esposte al Museo Civico.  Proseguendo il viaggio arriverai in Piazzale Europa o CIM. Vedrai molti ragazzi, ma ti consiglio di fermarti sulle panche di legno dove quelli di Gavasseto ti accoglieranno sempre allegri e pronti a scherzare con chiunque.  Prendi poi il pullman al box 26 e siediti in fondo insieme a noi e a belle ragazze, mentre nel centro della città clacson di automobilisti che vanno di fretta al lavoro turberanno le tue orecchie.
Ed eccoti giunto in via fratelli Rosselli: il tuo viaggio finisce all’azienda agraria Zanelli, la scuola dove ogni mattina “lascio la speranza prima di entrare”.


 


Il Resto del Carlino, venerdì 28 dicembre 2007

clicca sulle immagini per leggere l'articolo

          
_________________________________________________________________________________
A.S.D. Il Tralcio
Via Anna Frank, 61 - 42122 Reggio Emilia
C.F. 91139970353
I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del sito web. Accetta Privacy